Creare link spontanei con tecniche di link building

Linkbuilding contro SEO

Pubblicato il Pubblicato in Blog sul web

Cyrus Shepard, in un post pubblicato qualche giorno fa (dal titolo Can You Rank in Google Without Links? New Data Says Slim Chance), ci mostra qualche dato interessante, che anticipa il consueto studio biennale di Moz sui fattori di posizionamento su Google.

Lo studio di Moz ha esaminato i primi 50 risultati di ricerca su Google, per un totale di circa 15.000 parole e frasi chiave. Ciò ha permesso di far emergere non solo i fattori correlati con un ranking più elevato, ma anche le frequenza con cui tali fattori sono presenti.

http://blog.tagliaerbe.com/2015/06/posizionamento-senza-link-impossibile.htm

 

Ma perche’ la linkbuilding e’ fondamentale? Cos’e’ la linkbuilding?

Ci sono molte tecniche per costruire linkbuilding su internet.

Per linkbulding si intende link che rimandano alle tue pagine o ai tuoi siti.

I link devono essere puliti e spontanei. Per puliti intendo che non devono essere pompati con servizi che vendono uno spazio nel loro sito per mettere i tuoi link. Questa tecnica viene riconosciuta dai motori di ricerca che ti penalizzeranno quindi.

Per spontanei intendo che i link che rimandano ai tuoi siti devono venire da siti collegati, da persone esterne, che condividono i nostri contenuti “spontaneamente”.

 

Attualmente la mia home page ha 400 link esterni spontanei che arrivano a lei.

Altri 400 sono alla pagina “report censura censura legale” che infatti sono assolutamente le due pagine meglio indicizzate per me sui motori di ricerca.

(vedi “l’importanza di fare redirect da vechio dominio”)

Ancora più significativo è il numero di siti web presenti nei primi risultati di Google e che avevano link in ingresso, o meglio, che non ne avevano.

Il 99,2% di tutti i siti web avevano almeno un link esterno. (Il rimanente 0,8% potrebbe essere un margine di errore fra Mozscape e l’indice dei link di Google). Insomma, lo studio ha dimostrato che praticamente nessun sito web si posiziona su Google per parole chiave o frasi competitive se non riceve almeno un link da un altro sito, e la maggior parte dei siti presi in esame aveva parecchi link in ingresso.

IL 99,2% di tutti i siti web presenti nei primi risultati sulla SERP avevano link in ingresso.

Io non ne ho, seguo la SEO, ma le mie pagine non emergono, perche’ anche se ho un dominio di terzo livello non ricevo link spontanei. Non ricevo link spontanei perche’ non emergo nella SERP. Ed e’ un circolo vizioso, a questo punto diventerebbe necessario acquisire il dominio di secondo livello.

 

Io per ora punto sulla condivisione sui social network, punto a condividere i miei articoli su blog e forum, scambio di link con questi… ecc… spero arrivino nuovi link spontanei anche sui nuovi contenuti.

Quindi condividetemi 🙂

 

2 pensieri su “Linkbuilding contro SEO

  1. ma perchè le condivisioni dei social valgono come link? Io sapevo che non venivano indicizzati. Quando citi almeno un link in ingresso, basta anche un link da un social come facebook per fare salire il mio sito?

    1. Le condivisioni sui social servono ad ottenere link indireti del tuo sito, magari facendo citare il tuo articolo in altri siti e blog, ma soprattutto ti da visibilità nella tua rete sociale.

      Questo intendevo.

      Buona giornata ^_^

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*